Storie di Comunità (I) – l’accendino

LA STORIA DELL’ACCENDINO ROSSO

(ovvero perchè le cose vanno come vanno)

(secondo me…)

 

c’era una volta una comunità, e all’interno della comunità c’era una cucina.

dentro la cucina c’erano tante cose utili e meno utili… pentole e mestoli di ogni sorta, stracci, coperchi e scolapasta.

poi c’era un accendino rosso, che serviva ad accendere la fiamma pilota.

quell’accendino era molto importante per la cuoca Gelsomina, perché gli permetteva di cucinare per tutta la comunità: di coltelli ce n’erano tanti, ma di accendini ce n’era uno soltanto.

un giorno passò dalla cucina Piero, con una gran voglia di fumare una sigaretta, ma… non aveva l’accendino! il bisogno era impellente, l’accendino rosso a portata di mano e… il gioco presto fatto!

inutile dire che Piero si dimenticò di rimettere l’accendino rosso al suo posto…

quando Gelsomina arrivò in cucina, non trovando l’accendino, si arrabbiò moltissimo! ma poiché aveva poco tempo non si mise troppo a discutere, ne comprò un altro e lo legò con un cordino.

ma anche l’accendino col cordino ebbe vita breve, e Gelsomina ne prese un terzo, che inchiodò.

e quello dopo lo incollò.

e il successivo lo murò.

alla fine decise di legarsi un nuovo accendino al collo. ci andava a dormire anche di notte…

la stessa cosa successe anche per l’accendino del tempio: Giuliano, il responsabile del tempio, anche lui decise di legarsi al collo l’accendino… e così via, finché tutt* non ebbero il proprio accendino attaccato al collo. la stessa cosa accadde, in quella strana comunità, per il martello, per le penne, per le usb, per i telefoni fissi, per le pentole e… perfino per la carta igienica!

tutt* andavano in giro portando addosso tutto quello che poteva occorrergli: immaginatevi quante ripetizioni e quanti sprechi! nessun* si parlava più, tutt* gelosissimi dei propri strumenti di lavoro e di quotidiano uso, appesantit* dal carico e irritat* da come le cose erano degenerate… ognun* pensava al proprio beneficio, appena qualcun* lasciava qualcosa da qualche parte o perdeva uno dei suoi oggetti, qualcun’altr* se lo accaparrava e se lo metteva al collo o alla cintura.

crebbe la paura, e di conseguenza la sfiducia, l’egoismo e la noncuranza di tutto ciò che non era appeso al proprio corpo.

sarebbero potute le cose andare diversamente?

forse sì, se Piero avesse avuto la consapevolezza che quell’accendino non era di Gelsomina, ma di tutta la comunità.

 

nb: ogni riferimento a fatti o persone realmente esistiti è puramente casuale.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...