‘na Cosa Bella

Citazione

‘La bellezza salverà il mondo.’

Fëdor Dostoevskij, L’idiota, 1869

mentre camminavo con mia madre per il bianco centro storico di Ceglie Messapica, ci imbattiamo in un piccolo Eden. la signora Gina, una delle mie nuove vicine, da anni coltiva, nello spiazzetto accanto alla sua porta di casa, decine di specie verdi, piante grasse di ogni forma e dimensione, rose di ogni colore, fiori profumati impossibili da resistere dall’annusare…

mentre estasiate stavamo in contemplazione di tanta cura, la signora Gina si affaccia, ci vede e sorride. esce, con quel suo passo che ben di combina con la parlata strascicata dialettale, e inizia a raccontarci le storie dei suoi vasi. con quanto amore ce le descriveva! come fossero figlie da preparare per il matrimonio!

e sulla via dei saluti, ci dice: ‘ecco, avete visto ‘na cosa bella’.

una cosa bella.

mi è arrivata dritta al cuore. una signora di ottant’anni, che forse niente ha studiato di estetica, di canoni classici, del valore sociale dello spazio pubblico… ma lei dedica il suo tempo e le sue energie per regalare al paese, a* turist*, a chiunque passi da via Chirulli, una cosa bella.

ecco. credo fermamente che se ognun* di noi si impegnasse nel regalare alla propria comunità, e quindi al mondo, una cosa bella, molte cose sarebbero diverse…

la bellezza chiama bellezza! e mi immagino una ri-evoluzione fatta di gesti belli, semplici, che non chiedono niente in cambio. una rivoluzione che parta dal vedere ed apprezzare la bellezza che già è intorno a noi e dentro di noi, per poi espanderla, come il profumo dei fiori della signora Gina…

ceglie-giardino

un piccolo Eden in via Chirulli, a Ceglie Messapica

Annunci

La festa dei Talenti

Citazione

Osserva l’esistenza e la sua abbondanza: che bisogno c’era di una così grande varietà di fiori? Le rose sarebbero state sufficienti, ma l’esistenza è abbondante: milioni e milioni di fiori, milioni di uccelli, milioni di animali, tutto in abbondanza!

La natura non è ascetica: danza ovunque, negli oceani, fra gli alberi. La natura canta dovunque, nel vento che soffia attraverso i pini, negli uccelli.

Che bisogno c’era di milioni di sistemi solari e che ogni sistema solare avesse milioni di stelle? Sembra non ce ne fosse bisogno: se si trascura il fatto che la natura stessa dell’esistenza è l’abbondanza, che la sua essenza è la ricchezza e che l’esistenza non crede nella povertà.
Osho

Arrivo in Puglia pochi giorni fa e mi ricordo immediatamente perchè amo tanto questa terra. è abbondanza. abbondanza di sorrisi, di storie, di sole, di cibi semplici e prelibati.

Sono stata coinvolta nuovamente da ComuniTazione in un progetto partecipato: come si può restituire lo spazio pubblico ai cittadini? Come creare forme di coinvolgimento dal basso, per far sì che la città torni ad essere bene comune? Come trasformare spazi degradati in angoli vissuti nella quotidianità dal quartiere?

Il percorso è lento e dolce, è nella costruzione di fiducia con gli abitanti, è chiedere disponibilità per organizzare una festa di quartiere e ritrovarsi ad ascoltare storie di bambini che scoprono tombe greche. Il tutto generosamente contornato di dolcetti e taralli, ovviamente.

E allo stesso tempo andare per il quartiere  e vederne le bellezze, scoprirne i balconi colorati, i tanti tipi di fiori che nascono spontanei anche nell’abbandono, e tanto, tanto amore! C’è una ricchezza sottile, che si scopre solo con delicata attenzione, con l’ascolto, stando apert* a ciò che sta intorno a noi, senza pregiudizio.

IMG_0956 IMG_0955

Dalle chiacchiere tra un caffè e un altro trapela sempre una voglia immensa di condividere, di fare, di mettere a servizio della comunità più ampia i propri talenti; ed è sempre presente anche la paura di uscire dal proprio guscio sicuro, la sfiducia nelle istituzioni, un senso di inadeguatezza e sconforto nei confronti del futuro. Allora abbiamo organizzato un pomeriggio dove ognun* aveva l’occasione di mettere in mostra quel che sa fare: a volte si pensa di aver poco o niente, e invece quante risorse sono spuntate come funghi!

Alla Festa dei Talenti c’era chi insegnava a fare orecchiette e tagliatelle, chi la lisciva, chi essiccatoi con canne di bambù; chi suonava, chi ballava, chi friggeva panzerotti, e chi mangiava le meravigliose torte portate dalle mamme e dalle nonne del quartiere. Direi che il mio talento, oltre truccare bambin*, è stato sopravvivere alle quantità di cibo cegliesi!

Nei prossimi giorni progetteremo con il quartiere uno spazio abbandonato da anni, per trovare una strada per restituirlo al quartiere.

Questo è l’inizio di un nuovo modo di progettare la città, un’architettura politica in cui ognun* si prende un pezzetto di responsabilità nella riuscita della ‘festa’, in cui si fa di ogni risorsa un dono prezioso, guardando l’abbondanza piuttosto che la scarsità.

ecco un piccolo video della Festa dei Talenti!!

complessità e semplicità

un paio d’ore di coincidenza a Roma: troppo tempo per star seduta ad un caffè, troppo poco per un giro lontano dalla stazione… quale miglior occasione di respirare un po’ di Santa Maria degli Angeli??

e mentre camminavo sotto quelle volte a crociera, ricordandomi delle gite universitarie di storia dell’architettura, mi ha colpito la forza straordinaria di quel luogo. in particolare come l’antica struttura romana (la chiesa nasce sulle spoglie delle terme di Diocleziano) sia stata esaltata dall’intervento di Michelangelo.

la semplicità degli spazi, la grandezza e la pulizia delle volte, incorniciati da un manierismo denso e sensuale.

e allora pensavo alla magia della diversità, del contrasto. di come elementi così differenti tra loro possano dare origine a tanta bellezza.

ed è proprio in quella linea di confine, quel limite che è come un abbraccio, che io vedo il potere del cambiamento. l’umiltà dello stare insieme. il rispetto. il reciproco sostegno. l’amore.

complessità e semplicità

complessità e semplicità