RICETTA SPIRITUALE (primal painting a Findhorn)

INGREDIENTI:

  • 12 colori a tempera + il bianco
  • un foglio di carta ruvida, spesso, grande, bello
  • un gruppo di 11 elementi con 11 storie da raccontare, 11 angeli, 11 artisti che si sono dimenticati di esserlo…
  • un ‘focaliser’ permacultore che vive in una casa fatta dentro una barile di whisky, con la passione per l’arte e il didjeridoo
  • acqua
  • thè e biscotti (gli inglesi non si muovono senza due tea breack al giorno)
  • paure, sogni e voglia di tirarli fuori

PROCEDURA:

prendere il foglio e bagnarlo finché non si impregna completamente.

mettere una punta dei 12 colori su un piatto (mi raccomando, nessuna preferenza! il marrone quanto il giallo!) e sperimentarli sulla carta, usando solo le mani.

il giorno successivo, asciutto il colore, e asciutta l’emozione della regressione all’infanzia, lavare il tutto, delicatamente, con una spugna.

di nuovo la stessa superficie, ancora i 12 colori, nessun pennello se non le foglie del bosco. nuove emozioni emergono, il piacere della creazione, la frustrazione della mente, l’aspettativa come blocco del fluire.

e dopo qualche ora di nuovo lavare via tutto. lasciare andare. l’acqua porta via la tempera, ma rimane un alone sulla superficie, come un manto, come una ferita.

e gli strati si sovrappongono, giorno dopo giorno. la notte porta ristoro, e lascia il tempo alla carta di assorbire le nuove tracce, e al mio inconscio di sedimentare le informazioni.

ed ogni mattina poi lavarsi dei pensieri di ciò che è passato, delle preoccupazioni di ciò che sarà, e ricominciare, sulla stessa superfice, con gli stessi colori. ma tutto è nuovo, e si inseriscono nuovi elementi, i pennelli, il colore bianco, l’idea che la settimana di pratica spirituale a Findhorn prima o poi finirà… e allora mi troverò a fare i conti con ben altro foglio.

la creazione è per me un atto primitivo, istintuale e di profonda guarigione: e la diversità che un gruppo può creare è nutriente come poche altre cose (anche più delle leccornie della cucina della comunità). e la passione ed il piacere sono ingredienti fondamentali della mia vita: se non è divertente non è sostenibile!

e assaggio il tutto-spirituale, nella stanza d’arte quanto nel servizio in cucina, nelle lunghe passeggiate per sentire il canto delle foche quanto nei cori la mattina nel nature sanctuary, la giornata di silenzio quanto le magiche storie dei miei compagni di viaggio.

primal painting 1 primal painting 2 primal painting 3

Annunci

Deep-ressione

(riflessioni al termine di un workshop di Process Work su depressione e dipendenza)

io sono sola nella mia malattia (che sia raffreddore o depressione, per il Process Work non c’è molta differenza): una parte di me la crea, ed io ho la responsabilità della guarigione.

allo stesso modo se l’altr* decide di nascere, trasformarsi o morire, io non posso farmene ne’ una colpa ne’ un merito. detto questo, insieme possiamo creare qualcosa, un processo di guarigione profonda. questi tre giorni sono stati per me un importante esempio di consapevolezza in questa direzione.

la condivisione dell’esperienza personale è di per sé guarigione: sentire nell’altro una parte di me, condividere l’emozione che sta dietro una storia, unisce, e guarisce. perlomeno quel* bambin* che ha bisogno di essere visto e ascoltato.

poi, nel processo di gruppo, avviene qualcos’altro, qualcosa di magico che ogni volta mi lascia con un senso di pienezza e gratitudine. quel corpo, quell’entità che siamo noi, soffre degli stessi sintomi dei singoli. la depressione è un sintomo sociale. e trovo che la metodologia di lavoro di gruppo orientata al processo, sviluppata da Mindell, sia uno strumento di grande consapevolezza, sia che si parli di depressione quanto di questioni raziali.

al termine del seminario abbiamo affrontato una questione ‘filosofica’: cosa fare con quelle parti di me che mi creano sofferenza e autodistruzione? le ‘uccido’, sgretolo, composto e le trasformo in qualcosa di nuovo? o le accetto, le integro come parti che se reprimo rischiano di tornare sotto altra veste? il gruppo si è fortemente polarizzato, ed ognun* ha preso posto nel campo, entrando nel ruolo che sentiva più affine alla sua esperienza in quel preciso momento della sua vita.

la discussione si è accesa in un potente climax emozionale: quando i ruoli più estremisti hanno espresso la loro voce, la facilitatrice, Ana Rhodes, ha suggerito uno scambio di ruoli. questo movimento ha permesso la comprensione della differenza ed ha portato la discussione ad un piano più profondo, alla fine della quale ognun* ha potuto scegliere la propria posizione nel campo polarizzato con maggior consapevolezza.

l’atmosfera, a conclusione del processo, era di grande accettazione e integrazione: ho sentito la temporaneità di ogni ruolo, la bellezza dell’equilibrio raggiunto attraverso il conflitto, e la temporaneità di quell’equilibrio stesso.

grazie Ana per aver condotto il gruppo attraverso un piccolo ‘suicidio congruente’,

grazie a tutt* coloro che hanno creato quel sistema, meraviglioso ologramma della società in cui vivo.

grazie a me, per il coraggio e la passione. :-)

(nel tempo in cui ho scritto quest’articolo, mi sono strafogata una barretta di cioccolato, tanto per non dimenticarmi di cos’è per me la depressione…)

edge